Madonna della deesis – Dipinto – 37×44,5cm

Icona russa antica dipinta “Madre di Dio Deesis”.
Icona antica dipinta a Mosca, nella capitale russa, con la tecnica della tempera ad uovo risalente al XVIII secolo.
Il Cristo al centro con la Madre alla sua destra e Giovanni Battista alla sua sinistra entrambi in atteggiamento di supplica, costituiscono il modulo iconografico chiamato Deesis ossia Preghiera: questa Triade è una creazione propriamente bizantina del VII secolo. Essa presuppone da una parte un’accresciuta sensibilità del popolo cristiano al tema del ritorno di Cristo alla fine dei tempi, dall’altra il senso della preghiera di intercessione dei santi, ed è destinata a diventare parte integrante della struttura interna dell’edificio sacro. La Deesis è il centro ideale dell’iconostasi, perchè rende evidente il legame fra Cristo presente nell’Eucarestia e l’umanità, ma non solo quella trasfigurata delle icone, ma anche quella che nella navata attende di partecipare alla Comunione dei santi. La Deesis è dunque per ciascuno la promessa di Paradiso. Già dal III secolo si ha la prima attestazione dell’esistenza di una separazione tra il santuario e la navata, costituita da transenne di legno o da una colonnata sormontata da un architrave, tale struttura divisoria (iconostasi) che scompare in Occidente all’inizio del Medioevo mentre si afferma quale elemento caratteristico delle chiese di rito bizantino-greco, fu ben presto ornata con figure della Madre di Dio, di angeli e di santi, ordinati intorno alla figura centrale del Salvatore e della Croce. In Russia già dal XII secolo esistevano iconostasi formate da varie file di icone sovrapposte, ma solo nel XV secolo esse assumono, intorno al nucleo della Deesis, l’ordinamento definitivo tipico delle chiese di rito bizantino-slavo.

L’icona è corredata di documento di originalità e di garanzia, perizia e foto degli esperti del Ministero dei Beni Culturali della Russia, e documento di esportazione.